A Camogli la tradizionale sagra del pesce

C’è un appuntamento, la seconda domenica di maggio in Liguria, che proprio non si può mancare: la sagra del pesce fritto a Camogli con la padella più grande del mondo in bella vista nella piazzetta del porto per immergere in olio bollente tutto ciò che paesani e villeggianti riusciranno a mangiare.

La sagra ha aperto i battenti nell’ormai lontano 1952 in occasione della festa di San Fortunato, patrono, appunto, dei pescatori: la sera della vigilia, infatti, i due quartieri di Porto e Pinetto si sfidano a colpi di sculture fatte con scarti di pesce che poi vengono incendiate. I falò, che ardono tutta la notte, sono dedicati al santo, affinché doni ai professionisti del mare reti sempre piene. Segue la celebrazione sacra e, il giorno dopo, quella, diciamo così, profana.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: