Gelatai come barman? Oggi è di tendenza

Restiamo nell’ambito delle dolcezze e oggi, dopo il miele, parliamo del gelato: uno studio dell’Osservatorio del Sigep, il Salone internazionale del gelato e della pasticceria che si svolge ogni anno a Rimini, ha messo in luce la creatività in aumento dei maestri del gelato, che mescolando sapientemente ingredienti tipici dell’alta pasticceria, stanno sfornando nuovi gusti al ritmo di mille l’anno, proprio come i barman fanno con i cocktail.

Ecco quindi che ci arrivano nel cono o in coppetta il dolcetto mandorlato di gelato o il gelato a base di pinolata siciliana o pastiera napoletana e quant’altro, ma il re indiscusso delle pause estive resta il cioccolato. Massimo del trendy, oggi, è quello speziato, sposato, cioè, con peperoncino, cannella, zenzero o frutta secca e che guarda ormai al superamento del ‘semplice’ cacao alla ricerca di cru sempre più pregiati, provenienti soprattutto da Venezuela e Madagascar.

Gli esperti, però, avvertono: quel che conta è la freschezza degli ingredienti, se si fa un gelato con le introvabili e profumatissime nocciole delle Langhe il risultato è assicurato! Diffidare sempre, invece, dei prodotti fuori stagione, come il gelato alla fragola d’inverno che ha un colore assai poco rassicurante. Ultima curiosità: se il godimento di un bel cono non tramonterà mai, prende sempre più piede il gelato come piacere ‘casalingo’, il consumo da asporto, in vaschetta, ultimamente è infatti cresciuto del 20%.

Foto / Flickr

  • shares
  • Mail