Il caffè sveglia? Basta l’aroma

Io sono di quelle che non potrebbero farne a meno, nonostante i bruciori di stomaco: parlo del caffè, del suo gusto inconfondibile al mattino appena svegli e dell’aroma che pian piano si diffonde per tutta casa…

A chi dice che in realtà la caffeina non abbia potere immediato ma a dare lo sprint energetico in prima battuta sia lo zucchero, risponde Yoshinori Masuo del National Institute of Advanced Industrial Science and Technology di Tsukuba, Giappone. La sua recente scoperta è la seguente: anche profumo del caffè, non solo la bevanda in se stessa, attiva nel cervello dei topi il ‘gene del risveglio’.

I risultati della sua ricerca sono stati pubblicati dal Journal of Agricultural and Food Chemistry e facevano parte di uno studio sul potere anti-stress e antiossidante dell’aroma del caffè. Il punto di partenza è l’assunto che la carenza di sonno sconquassi l’attività di almeno 13 geni del cervello: gli esperimenti sui topolini dimostrano che la somministrazione di caffè o anche solo del suo aroma aumenta l’attività addirittura di due geni, GIR che è coinvolto nel controllo neuro-endocrino, e NFGR che controlla lo stress ossidativo. Pensate che bello se per evitare incidenti sul lavoro bastasse davvero diffondere nelle fabbriche l’aroma di un buon caffè!

Foto / Flickr

  • shares
  • Mail