Ferrovie: vagone ristorante, addio!

Un altro pezzo di storia che se ne va e continuerà a vivere solo nella nostra memoria, in qualche fotografia e negli spezzoni di film (moltissimi in realtà) cult: è il vagone ristorante, mandato in pensione dalle Ferrovie dello Stato perché in perdita per alcuni milioni di euro.

Al posto dei mitici wagon restaurant o buffet car, ci saranno piccoli chioschi per soddisfare il bisogno primario dei viaggiatori, ma con un’offerta assai più limitata: solo panini, snack e bevande, che incontrano meglio le esigenze dei passeggeri, velocità e risparmio. Eppure quando i vagoni ristoranti nacquero, a fine Ottocento, erano un vero e proprio fiore all’occhiello delle ferrovie in tutto il mondo e facevano della lentezza dei viaggi un vanto.

L’amministratore delegato di Ferrovie, Mauro Moretti, ha promesso che con l’eliminazione di queste ‘zavorre’ i treni diventeranno più funzionali, i viaggi comodi e i convogli (addirittura) in orario, e poi non siamo mica gli unici ad aver preso una decisione tanto drastica: in Gran Bretagna la dismissione dei vagoni di ristoro è iniziata già due anni fa tra le proteste dei tradizionalisti.

Foto / Flickr

  • shares
  • Mail