I dolci natalizi pugliesi della tradizione più buoni e facili

Pettole
Forse vi ho già detto che le mie origini sono pugliesi e forse vi ho già detto con quanta nostalgia e quanto affetto ricordo i fantastici piatti preparati da nonna Titina e dalle mie zie.

Parlare di Natale mi ricorda tutto questo: immense tavolate con zii, cugini, nonni e, a dire il vero, grandi abbuffate che mi mancano moltissimo.

Alla luce dei miei ricordi e di quelle che sono le ricette tramandate da famiglia a famiglia, oggi vi propongo di vedere con me i dolci natalizi pugliesi della tradizione i più buoni e facili da fare.

Le “carteddate” o scartagghiate, a seconda della zona in cui si producono, sono un tipico dolce natalizio, sono delle crespelle fritte a forma di roselline; richiedono un po' di cura e pazienza nella preparazione, ma sono davvero squisite. Sembrano anche delle corone.

Vi occorreranno i seguenti ingredienti: 1 Kg di farina, 150 gr di olio, 1 bicchiere di vino bianco secco, un pizzico di sale, mosto di vino cotto concentrato, miele, zucchero, cannella in polvere, olio di oliva per friggere, zucchero a velo.

Per la preparazione: preparate un impasto di farina, olio, sale e vino bianco e amalgametelo fino ad ottenere una pasta compatta. Con le mani cercate di creare un impasto liscio, quindi avvolgetelo in un panno e tenetelo in luogo fresco più ore possibili.

Trascorso il tempo necessario infarinate il tavolo, impastate ancora un pò il composto poi con il matterello tiratelo in sfoglie sottili. Prendete il tagliapasta e tagliate delle striscioline di circa 3/4 cm di larghezza. Con il pollice e l’indice pizzicatele ogni 4 cm circa. Arrotolatele quindi in forme di un diametro di 10 cm dandogli la forma di chiocce, di spirale in modo da sembrare una rosa.

Fatele bollire abbondante olio, sgocciolate ben dorate e croccanti. Una parte delle cartedde potrete farle andare nel vin cotto caldo e spruzzarle di cannella; l’altra parte fatele andare con con il miele spruzzandole poi con lo zucchero e cannella. Ottime!

Altro dolce natalizio della tradizione pugliese sono le pettole o scherpelle in realtà possono essere anche salate, ma oggi vorrei darvi la loro ricetta in versione dolce. Gli ingredienti necessari: 500 gr di farina, 200 gr di olio, 12 gr di sale, 30 gr di lievito di birra, zucchero, 300 ml di acqua tiepida.

Per la preparazione: impastare 1/4 della farina con il lievito preventivamente sciolto in poca acqua tiepida, quindi mettere l’impasto in un tovagliolo e lasciarlo riposare per circa 40 minuti. Con il resto della farina fate una fontana sul tavolo mettendovi al centro della stessa l’impasto lievitati, olio, sale, 20 gr di zucchero e acqua tiepida. Amalgamare con le dita fino ad ottenere un impasto compatto. Avvolgere in un panno e lasciare riposare in luogo asciutto per almeno 1 ora.

Trascorso il tempo necessario fate bollire abbondante olio gettatevi quindi l’impasto utilizzando il cucchiaio per dargli la forma, purché sia poco alla volta. Fate dorare le pettole, sgocciolarle leggermente gonfiate e servite con lo zucchero a velo. C’è chi le serve mettendovi all’interno della marmellata, ma io le preferisco nella prima versione.
Provate!

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail