Come fare la pinza, il dolce veneto di Natale

Pinza Veneta
A dire il vero, complici anche le mie origini decisamente meridionali, non ho mai mangiato la pinza, nè sapevo cosa fosse prima di mangiarla a casa di una cara amica che, a sua volta, l’ha ricevuta in dono da una sua conoscente.

La pinza, mi sono voluta informare, è un dolce tipico della tradizione veneta, che non ha una preparazione univoca, anzi cambia a seconda delle zone del veneto in cui vine fatta e della disponibilità in dispensa di chi la prepara visto che, in origine, era un dolce povero ottenuto da pane raffermo, fichi secchi, semi di finocchio e uvetta.

Ho così cercato in rete una ricetta da proporvi e per indicarvi come fare la pinza, il dolce veneto di Natale perché effettivamente è un dessert che va assaggiato e provato, magari proprio durante le festa Natalizie come vuole la tradizione veneta.

Gli ingredienti necessari per questo dolce sono i seguenti: 500 gr di farina gialla, 150gr di farina bianca, 2 uova, 200 gr di uvetta sultanina ammollata nel rum (anche senza rum se volete darla ai bambini) , 100 gr di cedro tritato, 200 gr di fichi secchi  tritati, 1 cucchiaio di pinoli, un manciata di finocchietto, 1 busta li lievito, un etto di burro, mezzo bicchiere di latte,  1 bicchierino di rum.

Pee la preparazione: mettete in una ciotola la farina gialla e la farina bianca, le uova sbattute in precedenza con un pizzico di sale. Iniziate ad impastare con mezzo etto di burro, già ammorbidito, il latte e tutti gli altri ingredienti con il lievito. Lavorate l’impasto fino ad ottenere un composto morbido, tenero e omogeneo. Se troppo duro, basterà aggiungere del latte.

Mettete l'impasto in una teglia unta abbondantemente con il burro. Ora fate cuocere a 150° per 40 minuti. Per controllare la cottura potrete inserire al centro del dolce uno stuzzicadente, che se uscirà asciutto sarà indice di corretta e ultimata cottura della vostra pinza.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail