Ricetta della focaccia al formaggio di Recco

Forse non tutti la conoscono, ma la focaccia al formaggio di Recco è una vera prelibatezza. Due sfoglie di pasta sottilissima e in mezzo la crescenza, il tutto cotto in forno.

Farla come la si fa nella sua città natale e impossibile, tuttavia ci può provare, e il risultato spesso è piacevole.

Ingredienti: farina, acqua, olio extravergine d’oliva, sale, crescenza oppure stracchino.

Procedimento: mettete un bicchiere e mezzo d’acqua circa, ¾ di bicchiere di olio e un po’ di sale in una ciotola; cominciate ad aggiungere farina a pioggia e rimescolate con la mano libera molto velocemente, in modo da fare entrare molta aria.

Quando la farina ha assorbito per bene l’acqua e l’impasto comincia ad essere più sodo trasferitelo sul piano di lavoro e iniziate ad impastare aggiungendo altra farina. Impastate finché la pasta non diventa liscia e omogenea.

E' arrivato il momento di tirare la pasta, passaggio fondamentale per la buona riuscita della focaccia al formaggio. Tagliate un panetto di pasta (il resto copritelo con qualcosa di modo che non si secchi), infarinate sia un po’ il piano di lavoro sia la parte superiore della pasta e iniziate ad allargarla con i polpastrelli, poi iniziate a tirarla con il mattarello, il più sottile possibile. Se la pasta è venuta bene non dovreste avere troppe difficoltà. Ovviamente, ripetete la stessa operazione per ogni sfoglia che vi serve.

A questo punto ungete e infarinate una teglia con della polenta. Mettete il primo strato di pasta e sopra di esso disponete il formaggio a tocchetti in modo uniforme, più ne mettete e meglio è.

Una volta messo il formaggio coprite con un altro strato di pasta, sempre sottilissimo. Spennellate la focaccia con olio extravergine d’oliva e infornate a 180°-200° per una ventina di minuti circa. Durante la cottura è comunque sempre meglio controllare.

P.S.: In teoria, insieme alla crescenza ci vorrebbe anche la prescinsuea, che è una cagliata ligure, ma siccome è introvabile fuori dalla sua regione di origine non l'ho annoverata tra gli ingredienti.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail