Birramisù, quali birre scegliere come ingrediente

Da quando la birra artigianale si è tanto diffusa in Italia è ormai entrato nell'uso comune preparare una variante "birrosa" del classicimo tiramisù al caffè. Si tratta del birramisù, che troviamo in carta in diversi ristoranti e che viene facilmente riproposto in casa. Ma spesso la domanda che sento porre è "quale birra usare?".

In effetti non è possibile usare qualsiasi tipo di birra per una preparazione del genere, va fatta una giusta scelta sullo stile e le caratteristiche della birra. Non potremmo mai usare, infatti, una birra a bassa fermentazione ed amara come la pils, o una superluppolata come una American Pale Ale. Bensì è consigliato prediligere birre dalla dolcezza più pronunciata o dalle qualità organolettiche più vicine al caffè.

Allora, se dovete scegliere con quale birra preparare un birramisù, optate - ed è la mia scelta preferita - cercate tra le ottime produzioni artigianali italiane di Porter, spesso anche aromatizzate al caffè, che grazie al loro caratteristico sentore di caffè e tostatura, non farà rimpiangere ai savoiardi il classico espresso italiano. Se non trovate Porter, potete anche optare per qualche Stout (molto simili alle porter), oppure in qualche rara Old ale. Altre sostitute, seppur uno scalino sotto, sono le Bock. Se volete rivoluzionare del tutto il vostro birramisù, potete anche provare a ubriacare i savoiardi con una Triple natalizia, magari speziata alla cannella.

Foto | Mimmo Personal Chef

  • shares
  • Mail