Da Dorillo and Capitones scegli tu quanto pagare

Menu Da Dorillo and CapitonesUn ristorante di Bergamo ha deciso di farla breve: il cliente decide quanto pagare per quello che ha mangiato. Il ristorante si chiama 'Da Dorilio and Capitones' ed è gestito da due siciliani, Ezio e Nello Canfarelli. Segno della crisi che avanza? In tempi di magra, per acchiappare clienti, si sono inventati questa formula.

Si può scegliere tra un menù naturalmente ristretto: "tre antipasti (parmigiana di melanzane, insalata tiepida di mare o prosciutto crudo e uva regina), tre primi (spaghetti con la mollica concia, risotto al ragù di mare o penne alla Norma) e tre secondi piatti (pescespada con il salmoriglio, orata al forno o falsomagro di carne), tre vini (un bianco di Salaparuta, un Pignoletto o un nero d'Avola) e un dolce che invece verrà servito dalla casa".

L'iniziativa si ripete ogni giovedì fino al 4 dicembre. Tuttavia, non è un'iniziativa del tutto nuova: ad esempio, nei commenti dell'articolo che ho linkato prima, hanno scritto che già negli anni '80 il ristorante londinese 'Just aroud the corner' proponeva qualcosa di simile. Così come a Berlino la catena di locali Weinerei dove per entrare si paga due euro, si riceve un bicchiere e si possono degustare tutti i vini che si vuole. Come contorno, poi, si può mangiare una cena di quattro portate e pagare ciò che si vuole.
Ritornando a Dorilio and Capitones, non credete che ci possano essere i soliti furbetti? I titolari non sembrano preoccupati: a Bergamo i clienti sanno quanto vale una portata! E prevedono una spesa media tra i 15 e i 20 euro a cliente. Normalmente si pagherebbe per la stessa cena intorno ai 45 euro. Non male come risparmio. E intanto le prenotazioni sembrano andare bene.

Le curiosità del genere non finiscono certo qui: in Tasmania c'è il ristorante in stile BYOF, cioè 'Bring Your Own Food', cioè portati il tuo cibo, cucinalo e mangialo. Uso di cucina e coltelli gratis e, infine, si ringrazia la proprietaria lasciando qualche soldo all'uscita.

Ritornando a Bergamo: voi, quanto paghereste per il menu che vi propongono?

Foto | Kelablu

  • shares
  • Mail