Il 18 e 19 ottobre a Casola Valsenio torna la Festa dei frutti dimenticati

La so, la so, la so, mi manca! Sarei curiosa di vedere quanti lettori riconoscono tra i seguenti tutta una serie di frutti noti: noci, avellane, nocciole, sorbe, nespole, giuggiole, corniole, mele da rosa, pere volpine, azzeruole, melagrane, corbezzoli, prugnole. Probabilmente, come me, vi starete interrogando su alcuni di questi nomi che il tempo ha allontanato dal nostro vissuto alimentare.

Un modo interessante per soddisfare la nostra curiosità è partecipare alla Festa dei frutti dimenticati, evento che si terrà il 18 e 19 ottobre a Casola Valsenio, in provincia di Ravenna. Protagonisti della manifestazione i prodotti delle piante da frutto domestiche o spontanee, destinati quasi esclusivamente al consumo domestico o al piccolo mercato locale, prodotti che aiutavano la popolazione contadina a combattere il freddo invernale grazie al loro prezioso contenuto calorico.

Giunta alla diciottesima edizione, l’iniziativa prevede il commercio al banco di frutti dimenticati e loro derivati, come marmellate, confetture, cotognate e liquori nonché la preparazione di piatti tipici a base degli stessi, come il famoso brodo di giuggiole.

  • shares
  • Mail