L’unica dieta è la corretta alimentazione

Parliamo spesso di diete, forse perché io sono sempre lì che ne ho bisogno e non si sa mai quale scegliere: ci sono quelle di singoli alimenti, le iperproteiche, le dissociate, quelle senza carboidrati, e poi altri trucchetti più o meno efficaci, quali cerotti mangia grasso, pasticche anti assorbimento, saune, liposuzioni, creme snellenti…

In realtà la riflessione da fare è un’altra: l’importante (tranne in casi di obesità o di disturbi alimentari complessi) non dovrebbe essere tanto perdere peso, quanto raggiungere uno stato di salute, stato che è assai difficile raggiungere con una dieta a breve termine. Inoltre, altro punto focale, non è importante solo centrare l’obiettivo, ma come centrarlo. Ad esempio, le diete iperproteiche: si limitano le porzioni di pane e pasta e si stimola il metabolismo con la carne. A insistere troppo si distrugge il glicogeno muscolare e il muscolo si cannibalizza a causa dell’inattività e del deficit energetico. Il risultato è che si perde peso, ma s’ingrassa e non si sentono neppure i sacrifici di una dieta ipocalorica, ma l’astinenza da carboidrati provoca una specie di intossicazione che provoca inappetenza quando non addirittura nausea.

La morale è sempre la stessa: dobbiamo rassegnarci al fatto che non esistono ricette miracolose, ma solo quella di seguire un’alimentazione corretta fatta di tutto un po’ senza esagerare mai. E non solo: forse perché è il più scontato dei consigli nessuno lo segue mai, ma è fondamentale, l’attività fisica. Perché, altrimenti, al giorno d’oggi i consumi alimentari si contraggono mentre aumenta l’indice d’obesità? Forse perché siamo un tantino sedentari?!

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail