Cucina russa: bliny con fegato

I bliny (o blinis) non sono altro che una sorta di crepes e rappresentano uno dei piatti più tipici della gastronomia russa. Preparati generalmente con farina di grano saraceno, uova, acqua e sale, vengono serviti in tavola caldissimi, insieme a caviale o salmone e la salsa di panna acida, creando così un contrasto tra la frittella calda e il ripieno freddo. Ve ne propongo una versione più povera, con il fegato, che, secondo me, con la sua persistenza gustativa, bilancia alla perfezione la tendenza dolce delle frittelle.

Ingredienti per 4 persone: 16 bliny, 200g di fegato di vitello, una carota, una cipolla, 3 uova sode, sale, pepe, noce moscata. Ingredienti per la salsa: 50g di burro, 30g di farina, 2 cucchiai di zucchero, il succo di mezzo limone, 2 tazze di brodo.

Preparazione: lessate il fegato insieme alla carota; fate imbiondire in padella la cipolla tritata finemente; tagliate a pezzettini il fegato e mescolatelo insieme alla cipolla e alle uova ridotte a dadini, unendo sale, pepe e un pizzico di noce moscata; per la salsa fate caramellare lo zucchero e aggiungete il succo di limone e il brodo; in una casseruola a parte sciogliete il burro, incorporatevi la farina e, mescolando continuamente, aggiungete il composto di zucchero; farcite i bliny con il fegato e servite, separatamente dalla salsa.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail