Il risotto alla pilota, specialità mantovana

salamelle mantovaneLasciate stare Schumacher e colleghi, che qui non c’entrano proprio un fico secco. Il risotto alla pilota è una specialità di Mantova già nota ai tempi dei Gonzaga e prende il suo nome dal “pilota” ossia colui il quale lavorava alla pila del riso, cioè lo stabilimento dove questo veniva pulito, trattato e preparato per la vendita.

Particolarmente sostanzioso, questo risotto ha tra i suoi ingredienti base le salamelle, il burro e il grana (qui trovate la ricetta nel dettaglio, preparatevi a picchi calorici e bava alla bocca).

La variante più nota di questo piatto è il risotto col puntel: in questo caso il risotto alla pilota viene servito con braciole o costine di maiale cotte sulla griglia oppure rosolate nel burro e piantate nel risotto lasciando l’osso all'insù. Si mangia afferrando con la destra la forchetta e con la sinistra il puntel della braciola, alternando forchettate di riso e bocconi di braciola.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail