Ristoranti a Roma: Settimio al Pellegrino

2 Dicembre 2008

Da Settimio è una trattoria con cucina molto casalinga confezionata con materie prime di alta qualità. E’ un luogo davvero particolare e lo si intuisce già dalla prima telefonata, alla quale ci si può sentire rispondere “ma lei chi è?”.

Non fatevi scoraggiare dall’impatto (telefonico) iniziale, questo locale merita; certo, la cucina è semplice ma davvero soddisfacente e l’atmosfera molto molto familiare. Dai tavoli si intravedono le cucine, tutte in marmo bianco, pulitissime.

Appena si entra si è accolti dal titolare che, una volta accompagnati al tavolo, vi illustrerà a voce il menu, che va a seconda della spesa quotidiana. Quando sono andata io a cena ho potuto assaggiare la stracciatella romana (uova e parmigiano cotti nel brodo), davvero delicata. Tra i secondi sono ottime le polpette e gli involtini cotti nel sugo al pomodoro, non vorrei dimenticare la “genovese”, anche questa da provare, un piatto in realtà tipico di Napoli, un arrosto cotto con le cipolle. Notevoli anche i contorni, tutti. Tra i dolci sono molto buoni i gelati, e in stagione, non perdetevi il monte bianco.

Una volta finita la cena probabilmente vi capiterà di chiacchierare con i titolari, che tengono molto ad avere un rapporto con il cliente, e si svelerà anche il perché della domanda iniziale.

Mi hanno infatti svelato che essendo stati vittime di qualche scherzo negli anni, non prendono volentieri prenotazioni da persone totalmente sconosciute, o meglio, le prendono, ma se non ci si presenta precisamente all’orario pattuito il tavolo non viene più riservato. E’ un metodo un po’ duro, ma se si passa la prova del fuoco si entra in un mondo sicuramente singolare e interessante. Provatelo.

Foto | Flickr

I Video di Gustoblog: Ricette dell’estate: Maria Teresa ci prepara una deliziosa marmellata di limoni