Ricette Pasqua: i pazientini quaresimali

Cominciamo oggi a proporre qualche ricettina della tradizione pasquale: Pasqua è ancora lontana, ma i dolcetti che sto per insegnarvi, in realtà, si consumano un po' prima, esattamente a metà Quaresima. Come tutti sanno, infatti, questo è un periodo di sacrifici e rinunce, tra cui quella a consumare dolci. Ma un fioretto a volte è difficile da mantenere alla lettera, così a Roma, anticamente, a metà Quaresima si 'spezzava' il digiuno dalle leccornie preparando questi biscottini chiamati proprio 'pazientini' quaresimali.

Occorrente: 300 g di zucchero bianco in polvere, 6 albumi, 300 g di farina, alcune gocce di caramello, vaniglina q.b.

Impastate a mano tutti gli ingredienti e fate riposare per un po' l'impasto dal quale otterrete poi delle palline che schiaccerete un po' e adagerete in una teglia a riposare in luogo caldo fino al giorno successivo. A questo punto infornatele a temperatura moderata fino a che i biscotti non saranno dorati in superficie e aspettate un paio di giorni prima di mangiarli, in modo che risultino più croccanti. Spesso, anticamente, poiché venivano preparati soprattutto per i bambini, che con maggiori difficoltà mantenevano il digiuno, venivano realizzati con formine che ricalcavano le lettere dell'alfabeto maiuscole.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail