Ricette Pasqua: la torta pasqualina

Oggi vi propongo un piatto che non mancava mai sulla tavola di Pasqua della mia infanzia: la torta pasqualina, mutuata dalla tradizione della Liguria, magnifica regione da cui arriva parte della mia famiglia. Non so se la ricetta sia proprio quella della tradizione, ma certamente è quella che mi è stata tramandata da mia nonna. La torta pasqualina, tra l'altro, ha una storia tutta particolare che potete leggere qui.

Per la pasta: 1 kg di farina, 4 cucchiai d'olio, sale q.b. Per il ripieno: 10 mazzi di bietole (1,5 kg di foglie circa), 80 g di parmigiano grattugiato, 1 cucchiaio di maggiorana fresca, 500 g di quagliata, 2 cucchiai di farina, 2 cucchiai d'olio. Per la confezione: 12 uova, 120 g di burro, olio, sale e pepe q.b. N.B.: oggi è molto difficile trovare la quagliata, spesso sostituita da ricotta o panna, ma potete prepararla da voi lasciando inacidire il latte intero all'aria con l'aggiunta di qualche goccia di limone.

Sistemate la farina a fontana sulla spianatoia, aggiungete l'olio, due pizzichi di sale e l'acqua tiepida. Impastate a mano, quindi dividete l'impasto in 33 palle che farete riposare su un piano di farina, coperte da un panno umido. Pulite le bietole, arrotolatene le foglie, tagliatele e lessatele, quindi strizzatele e unitele alla maggiorana e a 60 g di parmigiano. Pressate la quagliata, aggiungete due cucchiai di farina, due d'olio, 20 g di parmigiano, sale e pepe. Riprendete a questo punto 13 palle e spianatele con il mattarello ricavando 13 sfoglie, tirando i lembi con le mani unte. Ungete la teglia dove cuocerete la torta e iniziate a sistemare le sfoglie una sull'altra spennellandole con olio tranne l'ultima. Sistematevi sopra le bietole, un po' d'olio, la quagliata e fate 12 incavi dove sistemerete le uova sbucciate senza romperle, condendo ognuna con un pizzico di sale e 10 g di burro fuso. A questo punto spianate le altre 20 sfoglie e sovrapponetele, tenendole separate soffiandovi aria sotto con una cannuccia. Spennellate la superficie con l'olio e infornate a 200° per 50 minuti. Una piccola nota: anticamente s'incidevano sopra la torta le iniziali del capofamiglia.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail