La ricetta delle tagliatelle fatte in casa e consigli per la conservazione

La pasta fatta in casa è una preparazione tipica della cucina italiana, tramandata da generazioni dalle nonne di ogni famiglia. Prepararla non è facilissimo, bisogna armarsi di pazienza ed avere un pò di tempo a disposizione dato che, per fare una pasta fresca all'uovo come si deve bisogna fare le cose con calma e precisione.

Per un'ottima riuscita la tradizione vi suggrisce di preferire una spianatoia di legno ad una superficie liscia, dato che la porosità del legno ottimizza la riuscita; impastate lontano da correnti d'aria dato che gli sbalzi di temperatura potrebbero seccare troppo l'impasto e rispettate sempre la proporzione: 1 uovo ogni 100 g di farina.

Esistono dei metodi di conservazione che vi permetteranno di consumare la pasta all'uovo anche giorni dopo la preparazione; se avete intenzione di consumarla dopo un paio di giorni al massimo, fatela asciugare per bene lasciandola sulla spianatoia in un ambiente poco umido per almeno un giorno avendo cura di evitare che venga contaminata da polvere o agenti esterni, poi trasferitela su un panno di cotone leggermente infarinato (per evitare che la pasta si attacchi) e riponetela in frigo sino al momento di consumarla.

Se avete intenzione di consumare la pasta qualche settimana dopo la preparazione invece, dovete sempre farla asciugare in un ambiente asciutto per almeno un giorno e poi trasferirla all'interno di sacchetti gelo di plastica che riporrete in freezer fino al momento di cucinarla: non scongelatela, bensì gettatela nell'acqua bollente ancora congelata.

Ora passiamo al procedimento di preparazione delle tagliatelle fatte in casa; gli ingredienti che vi occorrono per 4 persone sono: 400 g di farina 00, 4 uova, 4 pizzichi di sale.

Preparazione: sulla spianatoia di legno, setacciate la farina e formate la fontana; al centro mettete le 4 uova e battetele leggermente con i rebbi di una forchetta, aggiungete i 4 pizzichi di sale poi lavorate con le mani l’impasto dall'esterno verso l'interno, amalgamando bene tutta la farina sulla spianatoia fino ad ottenere un panetto liscio che non si appiccichi alle mani. Con questo formate un panetto, avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per almeno un'ora. Trascorso il tempo necessario, infarinate la spianatoia , estraete il panetto dalla pellicola e stendetelo con il mattarello: tenete l'impasto dall'estremità più vicina a voi e arrotolate l'estremità opposta attorno al mattarello, poi stendete la pasta effettuando più pressione quando si sposta il mattarello verso l'esterno e meno quando si torna verso l'interno e ripetete l'operazione fino ad ottenere lo spessore desiderato, più o meno mezzo centimetro.

Adesso infarinate la sfoglia, infarinatela e ed arrotolatela su sé stessa poi tagliate il rotolo in fettine spesse circa mezzo centimetro, srotolatele immediatamente e mettete le tagliatelle su un panno di cotone infarinato cosicché non si attacchino. Se dovete consumarla subito, prima di gettare le tagliatelle nell'acqua bollente salata eliminate l'eccesso di farina altrimenti,una volta in acqua, essa formerà moltissimi grumi.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail