Ricette dalla letteratura: linguine al nero di seppie di Montalbano

nero di seppie"Da qualche tempo il commissario s'era adunato che Adelina, se lui era teso, turbato, nirbùso, in qualche modo l'intuiva da come lui al mattino lasciava la casa e allora gli faceva trovare piatti speciali che gli risollevavano il morale. Quel giorno Adelina era entrata in azione, sicchè Montalbano trovò in frigo il sugo di seppie, stretto nero, come piaceva a lui. C'era o no un sospetto di origano? L'adorò a lungo, prima di metterlo a scaldare, ma magari questa volta l'indagine non ebbe esito." (Andrea Camilleri, Il cane di terracotta, pag. 143, Sellerio Editore 1996)

Ecco come Camilleri considera questa portata consigliata per il nervosismo, considerandola una cura assai valida, basta che sia stretto, cioè denso,e quindi senza liquidi in eccesso. L'origano? Io lo metto e lo consiglio anche a voi!

Ingredienti per 4 persone: 400 g di linguine, 600 g di seppie, 4 spicchi d'aglio, vino bianco, 200 g di concentrato di pomodoro, olio d'oliva, sale, pepe e origano.

Pulite le seppie privandole delle vescichette con nero e mettetele da parte. In una terrina schiacciate le vesciche e diluite il nero con dell'acqua. Tagliate le seppie a listarelle e fatele rosolare nell'olio e l'aglio tritato. A 3/4 di cottura delle seppie, sfumatele con il vino bianco e aggiungete il concentrato di pomodoro eil nero di seppie. Allungate con altra acqua, aggiustate di pepe e sale e continuate la cottura a fuoco medio per circa 15 minuti. Scolate al dente le linguine e mescolatele al condimento, saltando tutto per pochi istanti. Servite subito ben caldo con una spolverizzata di origano.

Foto|Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: