Ricette di Masterchef Italia 2 della settima puntata: l'uovo in raviolo San Domenico con parmigiano dolce e tartufo

uovo in raviolo San Domenico

Nella settima puntata di MasterChef Italia 2, non abbiamo avuto molte ricette. Con la Mistery Box, i concorrenti si sono dovuti inventare delle ricette a base di ingredienti gialli come i peperoni, i pomodori, la farina di polenta, la cernia, ma è stato nell'Invention Test che hanno dovuto dare prova di sapere preparare piatti di alta cucina.

Nella settima puntata di MasterChef Italia 2, infatti, per questa prova è stato invitato l'executive chef del ristorante San Domenico di Imola, Valentino Marcattilii: gli aspiranti chef hanno dovuto ripetere una prestigiosa ricetta di alta cucina come l'uovo in raviolo San Domenico con parmigiano dolce, tartufo di stagione e burro di malga nocciola.

Andiamo a vedere come si prepara questa ricetta.

Gli ingredienti di questa ricetta vista a MasterChef Italia 2 sono: 8 dischi di sfoglia per tagliatelle che deve essre tirata in maniera molto sottile, 100 grammi di spinaci lessati, tartufo bianco, 100 grammi di burro di panna, 100 grammi di parmigiano reggiano grattugiato, 150 grammi di ricotta di pecora, 5 uova, noce moscata, sale, pepe. Le dosi si intendono per quattro persone.

Andiamo ai fornelli. Tritate finemente gli spinaci, amalgamateli con la ricotta, con 50 grammi di parmigiano, un uovo intero. Aggiustate con sale, pepe e noce moscata. Mettete quattro dischi di pasta su altrettanti fogli di carta oleata: dividete il ripieno in quattro parti uguali, formando al centro di ogni disco un pozzetto a fondana dove andrà messo un tuorlo d'uovo, con poco bianco. Non si deve assolutamente rompere. Aggiustate con un pizzico di sale.

Inumidite i bordi della pasta con acqua, prendete i restanti dischi e poneteli sopra i primi quattro. Chiudete evitanto di creare aria. Buttatele in acqua bollente che avrete precedentemente salato, fate cuocere in modo che l'uovo dentro rimanga crudo, ma la pasta cotta. Servite ogni ragiolo in piatti individuali, con sopra parmigiano e tartufo.

Da parte avrete dovuto far sciogliere il burro avanzato, per fargli venire il tipico color nocciola: burro che andrà versato sulle uova.

Via | Gazzetta gastronomica

  • shares
  • Mail