Come fare i bucatini all'amatriciana con la ricetta originale

Di ricette per preparare i bucatini all'amatriciana nel web se ne trovano a bizzeffe e tutte vengono spacciate per quella originale; in molti credono erroneamente che l'amatriciana sia un primo piatto della tradizione romana, tanto che a questo sugo si associano inevitabilmente i bucatini anche se, nella ricetta originale, l'amatriciana va preparata con gli spaghetti come si evince dal cartello alle porte della città di Amatrice (provincia di Rieti) in cui viene definita come "la città degli spaghetti all'amatriciana".

Il segreto per la riuscita di questo piatto sta solo in un ingrediente fondamentale che conferisce il sapore tipico all'amatriciana, il guanciale di maiale che, troppo spesso purtroppo, viene sostituito dalla pancetta salume che altera irrimediabilmente il sapore del piatto; la pancetta infatti è ricavata dalla pancia del maiale ed è più grassa e meno nobile rispetto al guanciale che, invece, è ricavato dal muso del maiale ed ha un sapore molto più delicato e corposo. Se volete preparare un'amatriciana secondo la ricetta originale dovete quindi procurarvi del guanciale e se non doveste trovarlo, vi consiglio allora di cambiare primo piatto evitando così brutte figure!

Ingredienti per 4 persone: g di bucatini ( anche se spaghetti sarebbe meglio), 250 g di guanciale, 500 g di polpa di pomodoro fresco, 150 g di pecorino fresco (evitate i pecorini stagionati poichè troppo salati), 1 cucchiaino di strutto, 1 peperoncino rosso fresco.

Preparazione: sbollentate i pomodori in acqua bollente per 2 minuti, privateli della buccia e riducetene la polpa a dadini; tagliate il guanciale a striscioline non troppo spesse e grattugiate il pecorino. In un'ampia padella fate sciogliere il cucchiaino di strutto, unite il guanciale, il peperoncino intero e un pò del pecorino e lasciatelo rosolare a fuoco lento fino a che non avrà assunto quel particolare colore fra il dorato e il marrone chiaro (attenzione a non bruciarlo); quindi unite la polpa di pomodoro e lasciatela addensare per circa 20 minuti a fuoco lento. Intanto cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente e versatela nella padella con il sugo; saltate la pasta fino a che tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati, eliminate il peperoncino intero ed unite il pecorino rimasto. Servite la vostra amatriciana preparata secondo la ricetta originale, ben calda.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail