I canederli, come cuncinarli secondo la tradizione altoatesina

I canederli sono un piatto tipico della tradizione culinaria tirolese. Sicuramente è uno dei più famosi e buoni del Trentino ma ricordiamo che ha un elevatissimo apporto calorico, per questo è tipico del periodo invernale. Questo piatto povero di tradizione contadina è composto da palline di pane, speck e formaggio cotte nel brodo di carne.

Nella tradizione vengono utilizzati gli avanzi di pane diventato raffermo, insieme ai prodotti dell'allevamento gli offriva: speck e formaggio. Col tempo sono nate diverse varianti dei canederli con ingredienti decisamente più light come gli spinaci oppure le erbette. Oggi ci occuperemo della sua ricetta tradizionale.

Ingredienti: pane raffermo 200 g, brodo di carne 1500 ml, farina 60 g, speck 150 g, formaggio grattugiato 150 g, burro 50 g, 1 cipolla, 2 uova, sale, pepe, noce moscata.

Tagliate a dadini il pane ed unitelo alle uova sbattute, sale e pepe in una ciotola, mescolate e lasciate riposare coperto per almeno due ore. Tagliate finemente lo speck, tritate la cipolla e usateli per un soffritto con burro ed olio. Incorporatelo all'impasto di pane insieme ai restanti ingredienti esclusa la farina. Mescolate e poi coprite il recipiente per mezz'ora.

Formate delle sfere con l'impasto e passatele nella farina. Cuoceteli nel brodo bollente per 15 minuti a fuoco molto basso. Nel momento in cui verranno a galla sarà giunti il momento di tirarli fuori. Serviteli ben caldi.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail