Ricette cinema: il pasticcio di gallina da Galline in fuga

Ah, la potenza dell’amore! È incredibile anche quando si tratta del sentimento tra il finto gallo volante Rocky e la gallina leader carismatica del pollaio, Gaia, soprattutto se riesce a salvare tutte le compagne da morte sicura. È a lieto fine, infatti, il film ‘Galline in fuga’, e il pasticcio di pollo non si farà, ma noi possiamo consolarci imparando a preparare un buon carpione, appunto, di gallina.

Cosa vi occorre: 1 gallina pulita del peso di circa 1,2 kg, 250 g di carote, 2 cipolle, 2 foglie di salvia, 3 foglie di alloro, 4 chiodi di garofano, 3 dl d’olio extravergine d’oliva, 2 dl di vino bianco, 2,5 dl di aceto di vino bianco, 3.4 grani di pepe nero o verde, sale q.b.

Come si prepara: tagliate a pezzi la gallina; nel frattempo lavate carote e cipolle, riducete le prime a rondelle le seconde a pezzetti e mettete la verdura in una casseruola con l’alloro, il pepe, i chiodi di garofano, sale e 3 cucchiai d’aceto. Coprite con 1 dl d’acqua e fate bollire per 20 minuti, poi unite la gallina e cuocete per altri 50. A questo punto spegnete il fuoco, sgocciolate e fate rosolare la gallina con 2 cucchiai d’olio tenendo a parte le verdure, unite invece l’olio e l’aceto rimasti, il vino e bollite per 20 minuti. Mischiate in una teglia da portata la carne e la verdura e fate riposare per 12 ore. Servite fredda, ma non di frigo.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail