La ricetta dei tortelli al brasato e quale condimento usare

Questo piatto, tipico del nord e assolutamente invernale (quindi provatelo presto!) in genere viene condito con lo stesso ripieno, ma i tortelli al brasato sono ottimi anche in brodo o con condimenti più delicati che non ne alterino il sapore, ma, al contrario, lo esaltino: ad esempio burro e salvia, oppure la panna arricchita da una puntina di zafferano, o al limite una crema di zucca.

Cosa vi occorre per 4 persone: 250 g di farina, 2-3 uova, 1 cucchiaino d’olio, sale q.b. Per il ripieno: 400 g di polpa di vitellone, ¼ l di vino rosso, 1/2 spicchio d’aglio in camicia, 1 foglie di alloro; 1 chiodo di garofano, 1 pizzico di noce moscata, 3 grani di pepe nero, un pezzetto di cannella in stecche, 2 uova, 1 cucchiaio di pane tritato finemente, 100 g di parmigiano grattugiato, sale.

Come si preparano: disponete la farina a fontana, poi apritevi al centro le uova, unite l’olio, un pizzico di sale e impastate energicamente. Se la pasta risulterà troppo lenta, potete aggiungere qualche cucchiaiata di farina, se invece sarà dura, lavoratela con le mani bagnate. Una volta pronta, ricavate delle strisce larghe 10 cm e lunghe 30-40. Lavorate una striscia per volta, sistemando a intervalli regolari un cucchiaio di ripieno, poi ripiegate su se stessa, sigillate aiutandovi con i rebbi di una forchetta e poi tagliate i tortelli. Ecco come fare il ripieno: rosolate nell’olio o nel burro la carne, poi sfumate con il vino rosso, unite le spezie e l’alloro e fate andare per non meno di 3 ore. La cottura può avvenire in più riprese, ma in questo caso negli intervalli conservate la pentola in fresco. Quando la carne si sfalda, toglietela dal fuoco e tritatela, unite le uova, il pane, il grana e usate questo ripieno per i tortelli.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail