I canederli allo speck in brodo con la ricetta tirolese

Canederli in Brodo
Quando si parla della cucina del Trentino viene subito da scrivere dei gnocconi tipici della zona, i canederli, che rappresentano la tradizione stessa di questa regione: un piatto povero e molto usato nella cucina casalinga contadina di un tempo ed oggi punto di forza della cucina locale.

Si tratta di gnocchi molto grandi, come abbiamo già avuto modo di vedere qualche giorno fa, a base di prodotti poveri e spesso di avanzi, come il pane raffermo, e di altri, come lo speck, tipici della zona.

Oggi vi suggerisco di preparare i canederli allo speck in brodo con la ricetta tirolese qui di seguito illustrata.

Vediamo cosa occorre per preparare i canederli necessari per 4 persone (circa 8 pezzi): 250 g di pane raffermo, 150 g di speck, 2 uova, 150 ml di atte, 180 g di farina, erba cipollina, qualche ciuffo di prezzemolo, noce moscata, 2 litri di brodo di brodo di carne.

Per la preparazione: in una ciotola spaccate le uova, unite il latte, la noce moscata e un pizzico di sale. Sbattete il tutto e unitevi il pane raffermo tagliato a dadini, quindi mescolate bene e fatelo ammollare per circa 30 minuti. Ricoprite tutto con un panno.

Trascorso il tempo necessario unite al composto anche lo speck, l’erba cipollina e il prezzemolo tutti finemente tritati. Se preferite quest’operazione può essere effettuata con un leggero soffritto: cioè tagliate una cipolla, lo speck e fate un leggero soffritto con qualche cucchiaio di olio. Poi versate il tutto nel composto ottenuto con le uova. A voi la scelta se preferite o meno soffriggere.

In ogni caso dovrete incorporare tutti gli ingredienti rimasti, amalgamare bene e lasciar riposare per qualche minuto.

Con l'impasto ottenuto create delle palle di circa 8 cm di diametro, avendo cura di bagnare le mani durante questa fase per evitare che l’impasto di incolli; rotolatele in un po' di farina e adagiatele su un piatto.

Quando il brodo sarà in ebollizione immergetevi dentro i vostri canederli, lasciandoli cuocere anche per almeno 15 minuti a fuoco dolce. Fateli cuocere anche dopo che siano venuti a galla, fino a completa cottura.

Da servire con brodo caldo per ciascun ospite.

Foto| Flickr

  • shares
  • Mail