I rigatoni alla gricia con la ricetta originale romana

Non è la prima volta che mi trovo ad elencare tutte le qualità di questo piatto tipico laziale che vede le sue origini proprio nella mia terra natale, nella provincia di Rieti, ma che è stato reso noto ai più dalle cucine delle osterie tipiche romane dove si può gustare assieme alle più classiche delizie culinarie della città eterna come la pasta alla carbonara o cacio e pepe.

La versione originale della ricetta della gricia vede come esaltazione perfetta di questo sugo l'abbinamento con la la pasta lunga, come le linguine o i più apprezzati bucatini; in pochi sanno però che in realtà questo sugo è ottimo anche se lo si utilizza come condimento per formati di pasta corta, soprattutto con i rigatoni.

Ecco gli ingredienti per la preparazioni di 4 porzioni di rigatoni alla gricia: 400 g di rigatoni, 250 g di guanciale, 150 g di pecorino fresco, 1 cucchiaino di strutto, pepe nero, sale.

Preparazione: tagliate il guanciale a striscioline abbastanza spesse e mettete a sciogliere il cucchiaino di strutto in una capiente padella; quando lo strutto si sarà sciolto, unite il guanciale e lasciatelo dorare a fuoco lento fino a quando non si sarà leggermente imbrunito e il grasso sarà diventato trasparente. Lessate i rigatoni in abbondante acqua salata e scolateli al dente, uniteli al guanciale nella padella ed aggiungete il pecorino grattugiato e il pepe nero macinato nelle quantità che più vi sono gradite e saltate la pasta fino a fuoco vivace per qualche minuto. Servite i rigatoni alla gricia ben caldi con il pecorino grattugiato e il pepe macinato a parte di modo che, chiunque lo gradisse, possa aggiungerli al piatto.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail