Ristoranti in Umbria: la Taverna de'Massari a Norcia (Perugia)

Una serata davvero indimenticabile quella vissuta alla Taverna de' Massari di Norcia, un posto dove il tempo sembra essersi fermato. Una gioia per il palato, perché nei piatti rivivono gli antichi sapori della gloriosa cucina umbra, rivisitati con un pizzico di genialità, e per gli occhi, perché il ristorante si trova in centro, un po' defilato dal corso, ma in una piazzetta incantevole dalle atmosfere medioevali.

Quando si cena in posti così non si deve stare tanto a indugiare su quanto ci costerà, ma lasciarsi trasportare dall'aroma di tartufo che aleggia ovunque. Qui il tesoro nero dell'Umbria viene offerto sia nella versione estiva e meno costosa, sia in quella pregiata, che fa triplicare il prezzo. Vi assicuro che la differenza è notevole anche ai palati meno sensibili, ma è un'iniziativa bella e onesta per permettere a tutti di assaggiare un frammento di eternità. Noi abbiamo ordinato un menu a metà strada, e quindi ecco la bruschetta al tartufo pregiato, sublime nella sua semplicità, come la 'delizia dello chef': uovo strapazzato cn tarufo pregiato e crostini, di gran lunga il modo migliore per gustare questo eccellente frutto della terra.

Gli gnocchi alla crema di latte li scegliamo con scorzone grattato, e in effetti perdono un po' in gusto e profumo, pregiato, invece, tartufo sul filetto ai porcini, incredibile. Un altro prodotto di questa verdissima regione è anche il Sagrantino, quindi proviamo un po' riluttanti il filetto ai frutti di bosco e Sagrantino, che poi si rivela una sorpresa davvero gradita. E sempre Sagrantino, cantina San Clemente, riempie i nostri calici e ci riscalda i cuori, compito che dovevano assolvere le lenticchie di Castelluccio, che, ahimé, non sono mai arrivate. Con un decaffeinato per finire in dolcezza, il conto levita a 122 euro, ma ne è valsa davvero la pena.

Foto | Taverna de'Massari

  • shares
  • Mail