Gaglioppo di Calabria, il vitigno rosso autoctono per eccellenza

Il Gaglioppo è un vitigno molto antico, da sempre diffuso sulla costa adriatica e ionica. Durante le Olimpiadi Greche veniva offerto ai vincitori delle discipline sportive. Il nome dovrebbe derivare dalla traduzione greca di bellissimo piede. In passato è stato spesso confuso con il Frappato. Gli altri nomi con il quale è conosciuto sono: Galloppo, Navarna, Lacrima, Mantonico o Montonico Nero. La Calabria è la regione di maggiore diffusione, ma possiamo trovarlo anche nelle Marche ed in Campania. Il grappolo è di taglia media o grande, dalla forma conica o piramidale, normalmente compatto, può a volte essere alato. Gli acini possono essere ovali o sferoidali con una buccia consistente, pruinosa, dai riflessi rossastri. Il colore non è particolarmente rubino, soprattutto dopo qualche anno in bottiglia, quando le sfumature diventano quasi mattonate.

'A Vita è un produttore biologico di vino principalmente da uve Gaglioppo, ma anche Magliocco, Greco Nero e bianco. HL'azienda possiede otto ettari di vigna a Cirò Marina. In quanto biologici, non utilizzano sostanze di sintesi, ma solo rame e zolfo quando necessario. Sovesci e non concimi chimici, poca lavorazione del terreno per favorire la biodiversità.

Il terreno è argilloso e calcareo e la zona beneficia delle forti escursioni termiche che regalano splendidi profumi ai vini che vi si producono. Le fermentazioni sono spontanee con lieviti indigeni, decantazioni naturali e basso uso di solforosa. Un ottimo esempio vino rosso Cirò, come purtroppo non se ne trovano molti in giro.

Foto | Alessia

  • shares
  • Mail