E si torna a parlar male di diete

Prima l'articolo di The Guardian in cui si metteva in guardia dai rischi legati alle diete.

Adesso rincara la dose, in lingua italiana, il Corriere della Sera, che avvalora peraltro la tesi della gustoblogger, che da 17 anni, pur mangiando parecchio, ha la fortuna di poter esibire la stessa taglia (più che decente)...

Insomma, le diete non servono (soprattutto quelle che nell'articolo vengono definite "restrittive"), perché tutto quello che si perde finisce per essere ripreso. Meglio, molto meglio, mangiar bene.

Lo afferma il Journal of the American Dietetic Association (non basta il buon senso, bisogna spendere soldi e risorse in ricerche firmate; va beh...).

Insomma, chi si mette a dieta è destinato a finir com'era prima. Accade nel 90-95% dei casi.

Meglio invece:

"osservare stili di vita più morigerati, non pesarsi, assecondare l’appetito naturale, conoscere le qualità nutrizionali dei cibi, apprezzare il proprio corpo rotondo, sviluppare un’immagine positiva di se stesse, movimento. Un approccio ribattezzato «salute per ogni taglia»."

E qui, su Gustoblog, concordiamo in pieno !

  • shares
  • Mail