Anche i ristoratori leggono Gustoblog

Ebbene sì. Oggi ho trovato nei mail la notifica di un nuovo commento inserito. Vado a leggerlo e... sorpresa, scopro che si tratta, o almeno penso, non essendo firmato, del ristoratore del Light, locale di Torino di cui avevo parlato (male, ammetto) qualche tempo fa.

Veniamo informati del cambio del cuoco, che era al centro delle mie personalissime opinioni, e che ritenevo un po' troppo presuntuoso, diciamo, per pensare di cucinare per altri oltre che per se stesso.

Insomma, prevedo un "sopralluogo" per verificare se quello nuovo è più "aperto al dialogo papillare", e poi v'informo.

Nel commento viene corretta la mia interpretazione dell'origine del nome. Light non significa, come pensavo, "leggero" (che non sarebbe stato idoneo ai menu proposti), ma "luce", e, data l'atmosfera del locale ed il buono intervento dell'architetto, questo sì che funziona...

  • shares
  • Mail