Il brasato con il vino rosso da fare in casa senza errori

Il brasato è' una celebre ricetta dell'Italia Settentrionale. Con qualche accorgimento possiamo ottenere un risultato perfetto e realizzare un secondo piatto degno del miglior ristorante.

Il brasato, tipica ricetta settentrionale che prevede che la carne sia cotta nel vino, è un secondo piatto che richiede molto tempo per essere realizzato. La sola marinatura richiede una giornata, quindi è necessario pianificare con anticipo se si intende preparalo.

Il vino usato è generalmente il barolo o comunque un rosso non troppo acido e un tipico accompagnamento è la polenta, altro piatto tipico del nord Italia.

Ingredienti: cappello di prete 1kg, vino rosso 750 ml, 2 carote, 2 coste di sedano, 1 cipolla, rosmarino, chiodi di garofano, 2 spicchi di aglio, cannella, burro 60 g, olio d'oliva, sale.

Iniziamo col marinare la carne, una volta rimosso il sangue in eccesso e mettiamola a bagno con il vino, le verdure tritate e le spezie, coprendo con della pellicola. Lasciamo marinare per almeno una notte e trascorse almeno una decina di ore togliamo la carne ed asciughiamola mentre per quanto riguarda la marinatura la metteremo da parte per usarla poi.

In una casseruola fate sciogliere il burro e usatelo insieme all'olio per far rosolare la carne per una decina di minuti, fino ad ottenere la crosticina tipica degli arrosti. Aggiungete le verdure della marinatura alla carne e fate cuocere anch'esse per una ventina di minuti nei quali dovrebbero intenerirsi. Aggiungete il sale e procedete versando anche la marinata alla carne e alle verdure.

Coprite con un coperchio e fate cuocere a fuoco lento per un paio d'ore. Una volta brasata la carne, mettetela via e mettete quello rimane in un mixer ottenendo un gustoso condimento. Fatelo addensare in pentola per qualche minuto, affettate la carne ed usatelo per condire quest'ultima. Accompagnate il tutto con lo stesso tipo di vino usato per la cottura.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail