Impariamo a conoscere l'olio / 4

Continuiamo il nostro viaggio nell'olio. Dopo averlo classificato, degustato e usato, dovremmo anche imparare a conservarlo. Come tutti i prodotti alimentari anche l'olio è soggetto a mutazione che ne alterano profondamente le qualità organolettiche e la genuinità. Anche se al loro interno contengono sostanze naturali antiossidanti che ne permettono la conservazione, il tempo non risparmia neanche l'olio.

E' consigliabile non superare la conservazione oltre i 24 mesi dalla data di imbottigliamento, quando la bottiglia è chiusa e conservata nelle condizioni ottimali. Se la bottiglia è aperta, allora fate attenzione: la sua tendenza ad ossidarsi è veloce. Esistono, comunque, tanti piccoli consigli che potete seguire per conservare l'olio nel migliore dei modi:

  • tenere la bottiglia dell'olio lontana dalla luce diretta e da fonti di calore (non lasciatela vicino al fornello del gas!)

  • una volta aperta la bottiglia riuchidetela con attenzione, cercando di far entrare la minor aria possibile

  • usare solo bottiglie scure, che proteggono dalla luce

  • se l'olio non è usato tutti i giorni, ed è destinato soprattutto al condimento crudo, preferire delle bottiglie piccole (375 ml) a quelle grandi per evitare di lasciare la bottiglia a metà per troppo tempo

  • non travasare l'olio da una bottiglia all'altra.
  • Foto | Flickr

    • shares
    • Mail