Ricette Mondiali: dal Messico i chili ripieni

Il primo Paese della coloratissima e profumatissima America Latina che affrontiamo è il Messico e lo facciamo con una rivisitazione stuzzicante del tradizionale chili, il piccantissimo peperoncino che fa letteralmente restare a bocca aperta. Se riuscite a trovarlo, utilizzate per questa ricetta il queso chihuahua, conosciuto anche come queso menonita, dal nome della comunità di Mennonite che per prima iniziò a produrlo. In mancanza di questo, va bene un formaggio cheddar di media stagionatura o addirittura l’edammer.

Cosa vi occorre: 4 chili poblano, 400 g di patate, 200 g di formaggio da spalmare, 200 g di queso chihuahua, 2 uova, 115 g di farina, olio per friggere, ½ cucchiaio di pepe bianco, sale e pepe q.b.

Come si preparano: spellate i chili, privateli dei semi; pelate le patate e riducetele a dadini di 1 cm. Fate bollire una pentola d’acqua, aggiungete le patate e fate sobbollire per 5 minuti, scolate e lasciate asciugare. Mescolate il formaggio da spalmare con il queso grattugiato, ½ cucchiaino di sale e il pepe nero, aggiungete le patate senza romperle e, con questo ripieno, farcite i chili aiutandovi con un cucchiaio. Metteteli su una placca da forno coperti di pellicola e lasciateli riposare per un’ora. Montate gli albumi a neve e uniteli, poi, ai tuorli sbattuti fino a renderli spumosi e stendete il composto su un piatto largo. In un altro piatto unite farina, sale e pepe bianco. Passate i chili prima nella farina, poi nell’uovo e friggeteli nell’olio bollente. Fateli raffreddare su carta assorbente prima di degustarli afferrandoli per il picciolo sporgente. Se li volete ancora più piccanti, potete guarnirli con altri chili sminuzzati.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail