Cucina russa: il kulebiaka di carne

Siamo all’ultimo dei pasticci della cucina russa che v’insegnerò, almeno per un po’. Questo si chiama kulebiaka, e la differenza principale con gli altri non sta tanto nel ripieno (nella ricetta trovate quello tipico, ma potrete sbrigliare la vostra fantasia) quanto nella forma, rigorosamente ovale.

Cosa vi occorre: 700-800 g di pasta lievitata, 1 kg di filetto di bue, 1-2 cipolle, 2 uova sode, 2 cucchiai di burro, 1-2 rossi d’uovo, brodo di carne, sale, pepe e prezzemolo.

Come si prepara: spianate la pasta sulla tavola infarinata fino a farle assumere lo spessore di appena 1 cm. Formate un ovale che riempirete del ripieno ottenuto mescolando la carne bollita e passata al tritacarne, cui avrete aggiunto la cipolla tritata appassita nell’olio, le uova sode sminuzzate, sale, pepe e prezzemolo tritato. Amalgamate gli ingredienti del ripieno con il burro fuso e qualche cucchiaiata di brodo. Spargete bene il ripieno con le mani, poi tirate i lembi opposti della pasta fino a chiudere il pasticcio che avrà la caratteristica forma ovale. Sforacchiate la superficie con una forchetta, spennellatela di rosso d’uovo e infornate il kulebiaka a 210-220° finché la superficie sarà dorata.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail