Le birre: un grande mondo da scoprire /10


Per ben completare il nostro speciale sulle birre, dobbiamo parlare anche di temperature di servizio. Una cosa da scordare, infatti, al pari del non fare schiuma, è di servire una birra ghiacciata. Che orrore! Servireste un vino rosso a 3°? No? E allora perché lo si fa con le birre?

Prima cosa da imparare è che ogni stile di birra ha la propria temperatura di servizio. Indicativamente, queste sono le temperature collegate agli stili

    Birre chiare tipo pils, lager, blanche: 5-7°
    Birre weisse o delicatamente aromatiche: 8-10°
    Birre fruttate, kriek: 7-9°
    Birre scure e amare, bitter ale, brown ale, bock: 8-10°
    Birre bionde intense, indian pale ale: 9-12°
    Birre acide, lambic e saison: 10-12°
    Birre nere, stout: 10-11°
    Birre più intense e scure, strong ale, doppelbock: 10-12°
    Birre di abbazia e birre dal grande corpo, scotch ale, strong ale: 11-13°
    Birre da meditazione, barley wine e corpi importanti con bouquet ampissimi: 13-14°
    Birre trappiste importanti: fino a 16°

Per capire se la temperatura di servizio di una birra è quella giusta, affidatevi alla schiuma: tenendo conto la tipologia di birra, se notate una schiuma decisamente eccessiva la colpa potrebbe essere di una temperatura di servizio troppo alta (è troppo calda!), se invece la schiuma è assente, la temperatura di servizio è troppo bassa!

Se non state bevendo una birra solo per piacere, ma anche per farne una degustazione, allora ricordate che la temperatura di servizio può essere aumentata di un grado, al fine di favorire la percezione dei sentori della birra: il freddo, infatti, inibisce lo sprigionamento delle sensazioni boccali e soprattutto quelle nasali.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail