Come fare la focaccia pugliese con la ricetta originale

Quella che noi, fuori dal tacco dello stivale, genericamente (e un po’ superficialmente) chiamiamo focaccia pugliese, in realtà è una ricetta originaria del Brindisino nota in dialetto come “peddica”. Regala tutti i sapori mediterranei della sua terra d’origine, dai pomodori alle olive (altra è quella di patate) ed è talmente famosa e apprezzata da essere decantata in un antico sonetto che recita così: “La mamma ha preparato la focaccia, fatta di capperi e pomodori; l’ha fatta con la farina di grano della spiga; tutta la casa è piena di profumo. Pensa a mangiare e bere, non preoccuparti, stasera per la gioia ti darò un bacio”.

Cosa vi occorre: 300 g di farina, 25 g di lievito di birra, 100 g di pomodori secchi, 150 g di olive nere snocciolate, 1 mazzetto di timo essiccato, olio q.b.

Come si prepara: fate rinvenire i pomodori secchi in acqua tiepida per pochi minuti, poi scolateli e asciugateli e sminuzzateli. Fate a pezzetti anche le olive e staccate le foglioline di timo. Impastate la focaccia usando farina, il lievito sciolto in poca acqua, un pizzico di sale, 2 cucchiai d’olio e l’acqua necessaria. Unite all’impasto i pomodorini, le olive e le foglie di timo, quindi formate una palla che dovrà riposare in luogo tiepido per mezz’ora o comunque finché non raddoppierà di volume. A questo punto tiratela a mano e dividetela in 4 parti che sistemerete in una teglia unta. Picchiettate con le mani e pennellate le focacce di olio, cospargetele di sale e infornatele a 200° per 20-30 minuti.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail