Il Café Gourmand, una dolcezza da riprodurre e interpretare

Gli amanti dei ristoranti e dei caffé francesi si saranno ritrovati più volte dinanzi ad una bella frasetta inserita sul menù, quasi sempre alla voce dessert, si tratta del "Café Gourmand", una golosità (come indica già il nome) composta in mille modi diversi che spesso diventa la fierezza della casa.


Si tratta di una declinazione di dolcetti di piccole dimensioni (che in Francia si chiamano mignardise, più o meno l'equivalente della nostra piccola pasticceria), alle quali si uniscono spesso, soprattutto nella stagione calda, palline di gelato, mini-tiramisù, mousse di frutta e macedonie sormontate da coreografici riccioli di panna montata, così come in quella fredda spopolano le piccole terrine di crème brulée e le cioccolate calde, il tutto da servire disposto in maniera armoniosa intorno ad una bella tazza di caffé.
Per darvi qualche dritta di preparazione abbiamo pensato di illustrarvi qualche variante di base, proponendovi alcuni semplici vassoietti da comporre e proporre agli ospiti.

Versione raffinata



Vassoio nero lungo e squadrato, spuma di caffé aromatizzata alla pesca, quenelle di meringa e verrine di fragole in salsa.

Versione semplice e veloce



Vassoio rosso ovale, verrine di fragole con cappello di panna, scones e torta allo yogurt.

Versione fresca e classicheggiante



Vassoio bianco quadrato, bicchierino di mousse al cioccolato, financières alle mandorle, formaggio fresco e coulis di frutti rossi.

Versione rustica e golosissima



Vassoio in legno, tortina alle mandorle, confettone, fettine di brownies, crostata di albicocche e sablé all'arancia.

Senza dimenticare che, al di là delle molteplici aperture fusion, uno dei modi più frequenti di servirlo è con accompagnamento di madeleines, o macarons di tutti i gusti e colori, una delizia riproposta a Parigi anche in una nota catena di fast-food, provare per credere.

Immagini da flickr.com/photos/vialbost, flickr.com/photos/simondee, flickr.com/photos/flavouz, flickr.com/photos/voyages-provence.

Via | cuisineaz.com

  • shares
  • Mail