Ricette cinema: il timballo alla siciliana del Gattopardo

Ce ne sono molte di tavolate meravigliose nelle pagine del romanzo di Tomasi di Lampedusa intitolato Il Gattopardo, magistralmente trasposte sullo schermo nel famoso film in cui spicca l’avvenenza di Claudia Cardinale. La famiglia del principe di Salina, infatti, come ogni famiglia di rango che si rispetti, non rinuncia al lusso né all’etichetta, ma neppure alla propria tipicità. Qui siamo in Sicilia, perciò, oltre al profumo degli agrumi e al sapore del pesce, non è strano trovare per cena un gustosissimo timballo… alla siciliana, ovviamente.

Cosa vi occorre per 6 persone: 600 g di maccheroni, 300 g di carne di vitello macinata, 400 g di pomodori maturi, 100 g di pecorino fresco a fettine, 1 cipolla, 1 noce di burro, basilico, vino bianco secco, olio, sale e pepe q.b.

Come si prepara: scottate i pomodori in acqua bollente, spellateli e passateli al setaccio. In casseruola fate sciogliere una noce di burro con 3 cucchiai di olio, mettetevi ad appassire una cipolla tritata fine e unite la carne. Quando sarà rosolata, innaffiatela con 3 cucchiai di vino, lasciatelo evaporare e aggiungete il passato di pomodori e una manciata di foglioline di basilico. Salate, pepate e cuocete a fuoco lento per un’ora, bagnando quando il sugo restringe troppo con poca acqua calda. Lessate i maccheroni in abbondante acqua salata, scolateli ancora al dente e in una terrina conditeli con una parte della salsa. Metteteli a strati in uno stampo per timballi imburrato, cospargendo ogni strato di fettine di pecorino e con la carne tritata e mescolata al sugo avanzato, cuocete in forno caldo per circa 25 minuti e servite.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail