Radici del Sud 2013, programma, espositori, chef e informazioni utili

29 Maggio 2013

Vi piacciono i vini autoctoni meridionali? Per conoscerli e degustarli l’occasione più importante si svolge in Puglia dal 5 al 9 Giugno 2013, Radici del Sud. Giunto alla sua ottava edizione, il festival si propone come uno dei momenti più importanti di promozione dei vitigni di Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia.

La manifestazione si articola in tre momenti: il concorso che premia i migliori vini nelle diverse categorie (di vitigno) grazie alle votazioni effettuate da ben 32 giudici divisi per giuria nazionale e giuria internazionale, con grandi nomi provenienti da tutto il mondo, dagli USA alla Cina; i BtoB dei produttori con i buyers internazionali; il grande evento aperto al pubblico, durante il quale è possibile degustare le migliori etichette delle cantine meridionali

Dove si svolge e come arrivare

Radici del Sud 2013 si svolgerà presso Masseria Caselli a Carovigno, provincia di Brindisi, facilmente raggiungibile dalla Statale 16, uscita san Vito dei Normanni – Specchiolla e continuando in direzione San Vito. Dopo circa 200 metri sarà subito visibile la struttura (ci saranno comunque le frecce indicative). Il parcheggio sarà disponibile sia nella zona interna della struttura sia immediatamente di fronte.

Il programma del Salone

Il 9 giugno 2013 dalle ore 11.00 si apriranno le porte ai visitatori che vorranno prender parte al Salone dei vini autoctoni meridionali Radici del Sud. Fino alle ore 20.00 sarà possibile degustare tutti i vini proposti dalle 70 cantine con il loro stand personale ed altre 100 etichette partecipanti al concorso. Dalle ore 12.30 alle 15.00 è previsto un servizio buffet. Alle ore 18.00 convegno dal tema: I vitigni autoctoni Meridionali, la nuova economia del Sud Italia. Alle 19.30 premiazione delle cantine produttrici dei vini vincitori. Alle ore 21.00 sarà possibile accedere alla cena di gala pensata per valorizzare le eccellenze del Sud Italia. Infatti in tavola saranno serviti i piatti di 6 chef, lo chef resident di Masseria Caselli, Francesco Laterza, ed 5 grandi protagonisti del Sud: Teresa Buongiorno (Già sotto l’Arco, Carovigno/BR), Sebastiano Lombardi (Ristorante Cielo del resort la Sommità, Ostuni/BR), Paolo Barrale (Ristorante Marennà, Sorbo Serpico/AV),Tony Lo Coco (I Pupi di Bagheria/PA) e Agostino Bilotta (Ristorante l’Approdo, Vibo Valentia).

Le cantine e le aziende gastronomiche

Durante il Salone di Radici del Sud sarà possibile degustare i vini delle 140 cantine che hanno aderito all’evento. Ecco l’elenco completo:

BASILICATA
Basilisco, Cantina Terre degli Svevi, Cantine del Notaio, Carbone Vini, Grifalco, Musto Carmelitano, Terra dei Re, Vigne Mastrodomenico, Vigneti del Vulture

CALABRIA
‘A Vita, Cantine Viola, Casa Commerci, Cote di Franze, La Pizzuta del Principe, Librandi Antonio e Nicodemo, Masseria Falvo 1727, Sergio Arcuri, Statti, Tenute Ferrocinto, Terre del Gufo, Vinicola Du Cropio

CAMPANIA
Agnanum, Cantina Bambinuto, Cantina del Barone, Cantine Astroni, Cantine Colle di San Domenico, Cantine del Vesuvio, Cantine dell’Angelo, Cantine Guastaferro, Cantine Lonardo, Casa di Baal, Casebianche, Cautiero, Donnachiara, Femia, Feudi di San Gregorio, Feudo Apiano, Galardi, Grotta del Sole, La Sibilla, Mastroberardino, Montesole, Mustilli, San Paolo, Tenuta Cavaliere Pepe, Tenuta Sarno1860, Terre d’Aione, Terre dei Vuttari, Villa Diamante, Villa Raiano

PUGLIA
Agricole Pietraventosa, Agricole Vallone, Albano Carrisi, Albea, Antica Enotria, Apollonio Casa Vinicola, Azienda Monaci, Candido, Cantina Coppola 1489, Cantina Vitivinicola Alessandro Carrozzo, Cantine Botromagno, Cantine Carpentiere, Cantine D’Alfonso del Sordo, Cantine due Palme, Cantine Paolo Leo, Cantine Paradiso, Cantine Soloperto, Cantine Spelonga, Cardone Vini Classici, Carvinea, Castel di Salve, Castello Monaci, Centovignali, Colle Petrito, Consorzio Produttori Vini Manduria, Conte Spagnoletti Zeuli, Conti Zecca, Cupertinum, Duca Carlo Guarini, Emera, Erminio Campa, Fatalone, Feudi di San Marzano, Hiso Telaray – Libera Terra Puglia, I Buongiorno, I Pastini
L’Astore Masseria, Masseria Li Veli, Masseria San Magno, Michele Biancardi, Michele Calò e figli, Mocavero, Morella
Mottura vini del Salento, Nicola Chiaromonte, Palamà vini del Salento, Pietregiovani, Pirro Varone, Plantamura, Podere 29, Poderi Angelini in Terra di Manduria, Rasciatano, Recchia Leonarda, Rivera, Santa Lucia, Santi Dimitri
Schola Sarmenti, Tenuta Macchiarola, Tenuta Patruno Perniola, Tenuta Posta della casa, Tor De Falchi, Tormaresca, Valentina Passalacqua, Valle dell’Asso, Vetrere, Vigne & Vini, Villa Schinosa, Vinicola Imperatore, Vinicola Mastricci, Vinicola Savese

SICILIA
Armosa, Baglio del Cristo di Campobello, Buceci Vini, Calatrasi Mediteranean, Cantina Patria, Cantine Barbera, Centopassi, Entellano, Feudo Cavaliere, Feudo Disisa, Marabino, Planeta, Principe di Corleone, Tasca d’Almerita
Tenimenti Zabù, Tenuta di Castellaro, Tenuta Rapitalà, Verovini, Vivera, Xeravuli

Per la gastronomia saranno presenti: Santoro Salumi, Olio Lamantea e i prodotti da forno de La Bottega del Dolce&Salato.

Costo del biglietto e dove acquistarlo

Il costo del biglietto per il Salone aperto dalel 11 alle 20 è di 10 euro, comprensivo di calice degustazione che dà diritto a degustare un numero illimitato di vini presenti. Per la cena di gala il biglietto è di 50 euro, e dà diritto sia all’accesso al Salone (possibile sempre dalle 11 alle 20), sia alla cena che prevederà sei piatti e la possibilità di degustare tutti i vini vincitori dell’edizione 2013 di Radici. Il biglietto del Salone sarà acquistabile direttamente nel luogo dell’evento. Per la cena è preferibile prenotare al numero: 388 6221847. Per informazioni: [email protected]

I Video di Gustoblog: Salone del Gusto e Terra Madre 2014