La tavola di Natale: come renderla splendida


Ogni anno la stessa cosa: se non è la vigilia, sarà il 25 o il 26 a pranzo; le più fortunate saranno salve fino al cenone del 31 o al pranzo dell’1 e c’è perfino chi, non ancora stanco del tour de force mangereccio, organizza anche per l’Epifania…insomma, un invito di parenti o amici a casa durante le Feste, proprio non lo possiamo evitare.

Siamo sempre alla ricerca, quindi, di originalità non solo in tavola (inteso dentro i piatti), ma anche sulla tavola, come renderla ricca e festosa, rinnovandola ogni anno… ma senza spendere un capitale. Oggi affrontiamo proprio questo argomento, passando in rassegna tovaglie, segnaposto e portatovaglioli, centrotavola e qualche altra idea di sparsa in materia di decorazioni, che possiamo realizzare da sole in perfetto stile low cost.

Partiamo con le tovaglie: le più brave di noi a disegnare potranno procurarsene una vecchia (ovviamente non rovinata) e rinverdirla con l’aiuto di un stencil da acquistare pronto o fai-da-te e colori per la stoffa. Le altre, ago e filo alla mano, potranno optare per stelle ricamate tono su tono, meglio sul candido bianco, oppure realizzare con perle di vetro e fil di ferro lunghe ghirlande con le quali arricchire la tavola, o, ancor più semplice, nastri di raso da intrecciare e fissare con il biadesivo. L’importante è che sia tutto abbinato al colore delle candele.

Se, invece, preferite ‘buttarvi’ sulla confezione di segnaposto e portatovaglioli, eccovi accontentate: con fil di ferro o rame e perline potete realizzare piccoli alberelli, oppure procurarvi delle piccole coroncine intrecciate di mirto o cuori fatti con rametti per uno stile rustico. L’ultima moda è indicare al commensale la sua sedia con vere e proprie palle di Natale appoggiate sul piatto e arricchite con un fiocco di velluto o di organza: potete fare vostra questa scelta e personalizzarla con palle a forma di Babbo natale o di angelo, magari messe a galleggiare nel bicchiere d’acqua pieno.

Il centrotavola, almeno a Natale,è d’obbligo: sempre a la page le candele a forma di rosa galleggianti, ma potete ‘osare’ realizzando con rami secchi dipinti di bianco una casetta stilizzata che andrà a ‘coprire’ un vasetto di pungitopo. Ottimo lo stile ‘aromatico’: una coppa di cristallo in cui sistemare arance infilzate di chiodi di garofano e lumini, oppure, sempre in tema di frutta, realizzare una cascata di ribes rosso cristallizzato con zucchero semolato e chiara d’uovo.

Infine, non dimenticate, che è la tavola intera a comunicare, o meno, il senso della festa: potete rivestire le bottiglie di carta colorata e decorata con vernici in rilievo, decorare brocche e bicchieri con palline di vetro, ricoprire i candelabri con velluti e broccati o ringiovanire gli orli delle tovaglie con festoni verdi realizzati con le piante, l’ideale per una cena in piedi o un buffet. Originale l’idea di realizzare menu in pizzo da regalare agli ospiti e personalizzare le sedie con ‘cappucci’ con il nome dell’ospite e sacchi pieni di cioccolatini, oppure vuoti… in attesa di essere riempiti dai regali.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: