Le ricette che si mangiano solo a Natale - N.3 L'arrosto di tacchino ripieno

ricette natale,

Ecco un'altra ricetta della serie: mi ci metto solo perchè è Natale e siamo tutti più buoni: l'arrosto di tacchino ripieno. E' vero che arrosti & c. si cucinano spesso durante l'anno, ma andare a comprare un esemplare di 5 Kg non è cosa di tutti i giorni. Comunque anche questa è una ricetta fattibile, tenete presente però che vi serve una buona quantità di tempo perchè alle 2 ore di cottura, bisgona aggiungere i tempi della preparazione.

Per il ripieno vi servono 2 cipolle tritate e rosolate in una generosa noce di burro, 2 petti di pollo tritati, 450g di salsiccia, 150g di castagne cotte al vapore, 2 uova, la buccia di 2 arance non trattate tritata fine, 75g di pistacchi tritati e 75g di uvetta e 50g di mollica di pane.

Preriscaldate il forno a 200°; con un blender amalgamate i petti di pollo, la salsiccia e le uova, poi aggiungete tutto il resto con in più sale e pepe. Prendete il vostro tacchino intero che il macellaio di fiducia vi avrà preparato e inserite il ripieno nel suo addome, che poi ricucirete con dello spago da cucina.

Posizionate il tacchino in una teglia apposita, e infornate a 200° per i primi 15 minuti, poi abbassate a 180° e cuocete per almeno 2 ore, irrorandolo spesso con i succhi di cottura e alla fine ricoprendolo con alluminio per evitare che imbrunisca troppo. Per sapere se il tacchino è veramente cotto, alla fine punzecchiatelo e osservate il liquido che fuoriesce, se è trasparente il tacchino è pronto.

Quindi rimuovetelo dalla teglia e nel succo di cottura rimasto, aggiungete il succo di 2 arance, 500ml di brodo di pollo, 15g di farina e una noce di burro. Cuocete 5 minuti e filtrate: questa sarà la vostra salsa. Di sicuro è molto utile per una ricetta del genere, disporre di un termometro per carne, in quanto spesso nei ricettari consigliano di togliere il tacchino dal forno quando raggiunge la temperatura interna di 65/70°.

Ultimo tocco: c'è chi lo serve con la salsa di mirtilli rossi. Se vi piace questo accostamento agro/dolce e non volete perdervi alla ricerca di questi frutti di bosco particolari, potete tranquillamente ripiegare sulla salsa Ikea.

Via | Telegraph

  • shares
  • Mail