Fonduta bourguignonne con la ricetta originale

Ricordo bene quando regalammo alla mamma il servizio per la Fondue bourguignonne:erano gli anni 90, anni in cui ho fatto le mie più grandi scorpacciate di cubetti di manzo alle salsine più sfiziose.

Fondue

Per chi non lo sapesse, infatti, la Fondue bourguignonne è una specialità della Borgogna che vede come strumento principale un recipiente (di rame) poggiato su un treppiende riscaldato da un fornelletto a spirito, in cui viene fatto bollire dell’olio.

Nell’olio caldo vengono fatti cuocere i bocconcini di carne, solitamente di manzo, infilzati in forchettine lunghe di metallo con il manico di legno ed estremità di diversi colori in modo che i vari commensali possano riconoscere la propria carne. Le forchette vengono lasciate immerse nell’olio fino a cottura e poi intinte in varie salse: cocktail, rosa, verde, bernese, a secondo gusto personale.

Spesso il set si compone anche di piatti dedicati a questa specialità che sono composti da più comparti per contenere la carne e i vari tipi di salsine.

Vediamo ora come preparare la Fonduta bourguignonne con la ricetta originale, per la quale vi occorreranno, 8 persone, i seguenti ingredienti: 1 kg di carne, 500 ml di olio da friggere e salse a scelta, secondo gusto, salsa verse, salsa rosa, maionese o altre.

Per la preparazione: acquistare carne di manzo da farsi tagliare a dadini di circa 3 cm, privati di parti nervose o grasse. Una dimensione inferiore porterebbe la carne a cuocere troppo rapidamente e a bruciare in fretta, di contro più alta a richiedere troppo tempo per la cottura.

Porre il fornelletto al centro della tavola, in modo che sia acccessibile comodamente a tutti gli ospiti, accenderlo e far riscaldare l’olio al suo interno.

Preparare un piatto per ciascun invitato con la carne opportunamente porzionata, distribuire le forchette con cui ognuno avrà modo di riconoscere il proprio pezzo di carne per calcolarne il tempo di cottura.

Gli habitué consigliano di inserire nell'olio caldo una mezza patata, pelata, in questo modo si eviteranno gli schizzi di olio caldo e che quest’ultimo si bruci annerendosi.

Foto | Wikimedia. Commons

  • shares
  • Mail