Ma qual è la quantità giusta di pasta da usare?

Ma qual è la quantità giusta di pasta da usare?

La quantità di pasta giusta da usare durante i pasti è un dilemma per molti. Quantità standard (i classici 100 g a testa) possono andare bene in linea teorica, ma poi nella pratica ci si trova dinanzi ad altre variabili. Se, per esempio, si tratta di un pasto che prevede dall'antipasto al dolce è ovvio che il quantitativo di pasta da cuocere sia diverso da un pasto che prevede solo un piatto di pasta; se poi si prepara una minestra, valgono sempre i 100 g a testa o bisogna tener presente altri aspetti? E se abbiamo pasta fresca – che durante la cottura aumenta di volume ed è molto più sostanziosa di quella secca – quanta ne calcoliamo? Ecco alcune indicazioni:


    Pasta secca

    paste asciutte:

  • 100 g a persona se si tratta di piatto unico

  • 80/90 g a persona se il menù prevede due o tre portate

  • 60/70 g a persona se il menù è composto da più di tre portate
  • minestre in brodo:

  • 50 g a persona se la pasta è accompagnata da solo brodo

  • 30/50 g a persona se sono presenti anche altri ingredienti
  • Pasta fresca (tagliatelle, quadrucci, tagliolini…):

  • 80 g a persona per preparazioni asciutte

  • 30/40 g a persona per preparazioni in brodo

Se, invece, volete preparare della pasta ripiena (ravioli, tortellini, agnolotti…), per quattro persone considerate 300 g di pasta all'uovo già pronta: rispetto alle indicazioni di cui sopra può sembrare molta, ma è il minimo per poter lavorare bene. Nel caso in cui vi avanzasse, potete conservarla in frigo per qualche giorno e utilizzarla per altre preparazioni.

Via | Altopalato
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail