Ricette cinema: il sanguinaccio di Benvenuti al Sud

Una delle scene più esilaranti di Benvenuti al Sud, secondo me, è quella in cui Claudio Bisio, arrivato in Campania la notte prima e ospite del suo sottoposto Alessandro Siani, scende a fare colazione dove lo accoglie la madre di quest’ultimo. Tra le varie delicatissime (ma ottime) specialità che gli fa assaggiare in questo film c’è il tipico sanguinaccio, che il reticente settentrionale accetta di provare e apprezza… finché non scopre che cos’è. Noi oggi ci ispiriamo a questa scena e prepariamo la torta di sanguinaccio, una ricetta davvero dimenticata.

Cosa vi occorre per 8-10 persone: 350 g di sangue di maiale, 250 g di riso cotto in acqua o nel latte, 250 g di pane sbriciolato, 200 g di miele di fichi, 1 bustina di cacao, 150 g di uva passa, 150 g fra noci e mandorle sgusciate, 150 g di zucchero, 20 g di cannella in polvere, 7-8 chiodi di garofano. Per la sfoglia: 500 g di farina, 2 cucchiai d’olio, sale.

Come si prepara: preparate la sfoglia impastando insieme la farina con l’olio e il sale, quindi tiratela abbastanza sottile e foderate con essa una teglia in cui verserete il ripieno ottenuto unendo insieme tutti gli ingredienti e cuocendoli a fuoco lento in una casseruola mescolando continuamente con un cucchiaio di legno. Lasciate raffreddare nel tegame di cottura prima di farcirvi la torta, che cuocerete in forno a 180° per una mezz’ora.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail