Secondi: il polpettone di Laura

Questa è una ricetta di quelle che definirei ‘di fiducia’ perché la fonte è un’amica di mia madre, Laura (se mi legge la saluto tanto), che è un vero asso ai fornelli. Più leggero del classico polpettone ‘con l’occhio’ (cioè l’uovo sodo) che vedete in foto, questo è ottimo da gustare sia caldo che freddo. Non vi resta che provare!

Cosa vi occorre: 5-600 g di carne macinata mista (manzo, tacchino e salsiccia), 2 uova intere, 2 cucchiai abbondanti di parmigiano, 2 cucchiai di pangrattato, 1 dado, farina, vino, olio e burro, sale q.b., 1 carota, 1 cipolla, sedano e salvia.

Come si prepara: impastate insieme i tre tipi di carne, unite le uova, il parmigiano e il pangrattato, quindi lavorate bene. Date al composto la forma di un polpettone e passatelo nella farina, quindi fatelo rosolare a fuoco vivo in una casseruola dove avrete sciolto insieme olio e burro. Togliete dal fuoco, cambiate l’olio e rosolatevi gli odori tagliati grossolanamente. Quando saranno dorati, sfumate con il vino bianco e aggiungete sufficiente acqua in cui sciogliere il dado. Al bollore del brodo, rituffatevi dentro la carne e cuocetela per una quarantina di minuti. Scolatela, passate al passaverdure gli odori e con questo sughetto coprite il polpettone che servirete affettato.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail