Ristoranti: Arcevia Park Hotel ad Arcevia

Una delle regole d’oro che cerco sempre di seguire ogni volta che sono in viaggio, per lavoro o per piacere, è la seguente: mai e poi mai mangiare nel ristorante di un albergo. Tuttavia ad Arcevia mi è capitato, a causa di un forte ritardo nell’arrivo sul posto, quando ormai tutti i ristorantini di cui avevo preso l’indirizzo avevano già chiuso le cucine.

Ebbene, devo dire che l’Arcevia Park Hotel è l’eccezione che conferma la regola, in quanto nel menu accosta ricette di cucina per così dire italiana a piatti tipici marchigiani, preparati anche discretamente.

E allora il diktat è tuffarsi immediatamente nei sapori del luogo, cominciando con una discreta crescia, una specie di focaccia preparata con la farina di polenta, servita con salumi locali ed erbette. Sarà stata l’ora tarda che ci ha fatti capitare a fine turno, ma la porzione di questa specialità, forse un po’ troppo bruciacchiata, era davvero extralarge: sembrava volessero consumarla tutta!

Nelle Marche si possono gustare ottime zuppe, così, dal momento che fuori iniziava a fare freddino, ci siamo corroborati con pasta e lenticchie e una vellutatissima zuppa di fagioli accompagnata da crostoni di pane bruscato.

E c’è chi ha il coraggio di ordinare (ma non di spazzolare) per secondo una polenta con sugo di salsiccia e con carne al vino, davvero buona e originale: la salsiccia, qui, infatti, era rosolata nel vino bianco insieme al resto della carne a tocchetti, senza sugo. Un’ulteriore conferma, a parer mio che ne sono davvero fanatica, della versatilità della polenta.

Con contorno di erbette amare, acqua e vino della casa, il conto ammonta a 15 euro a testa: un’altra piacevole sorpresa che ci ha regalato questo albergo ricavato in un antico casale in pietra e mattoni arrampicato in cima a un paesino davvero delizioso in qualunque stagione, anche quando piove.

Arcevia Park Hotel
Via Roma, 5 – Arcevia (An)
Tel 0731 97085

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail