E adesso arriva la dieta paleolitica

Non ci posso credere.

La dieta paleolitica si rifà a quelli che si pensa fossero gli stili di vita (?) dei paleolitici, ossia di chi visse all'età della pietra (quindi fino a 10.000 anni fa).

In quell'epoca si viveva di caccia, mentre non vi era nessuna forma, neppure rudimentale, di agricoltura, almeno stando all'articolo linkato, né di allevamento (quindi niente latte).

Ovviamente i tipi di alimentazione variavano con l'ambiente in cui i nostri progenitori vivevano, quindi non esiste una vera e propria unica dieta paleolitica. Sicuramente si viveva di prodotti di stagione...

Gli autori dell'articolo (che risale al 2000 ma che è stato riportato alla ribalta in questi giorni) devono ammettere che, sì, le idee su cosa mangiassero esattamente sono piuttosto confuse.

Si pensa comunque fosse un regime alimentare ad alto apporto proteico (fino al doppio di quello medio odierno) e basso di grassi (gli animali cacciati erano allo stato brado, ed i pesci mangiati dai primitivi delle coste non avevano sicuro molto grasso). Se grassi ce n'erano, sicuro non erano saturi. Poco sale, anche. Un quinto di quanto ne assumiamo oggi.

Probabilmente si nutrivano anche di vegetali, radici (per esempio patate), frutta, bacche e noci.

Qualcuno afferma (ma vorrei conoscerne lo stato mentale ed il grado di competenza sul tema) che questa dieta, essendo stata il fulcro dello sviluppo dell'uomo, è quella "naturale", e quindi sarebbe la migliore anche oggi.

Quindi stop ai cereali ed al latte. Via libera invece alla cacciagione. Inoltre, in alcune tribù che sopravvivono ancora con questo tipo di alimentazione, pare che l'incidenza di alcune malattie moderne sia bassa, se non nulla.

Magari questi aborigeni non fumano pacchetti su pacchetti di sigarette, non bevono, non si drogano, non fanno vita sedentaria, non vivono nello smog. Chissà se qualcuno ne ha tenuto conto...

La gustoblogger qui presente non è affatto convinta della bontà della proposta, anzi, quasi sembra più sensato il solito articolo del solito giornale ('stavolta non è un femminile ma un "maschile")

  • shares
  • Mail