La Festa del Mare di Portici

porto di Portici in inverno

Niente di meglio che un evento aggregativo per raccogliere e rilanciare i comuni dell’area vesuviana. La “Festa del Mare” 2011 è un esperimento teso a realizzare tale scopo ambizioso. La cornice che unisce tutte le anime del territorio è proprio il porto Borbonico del Granatello, fiore all'occhiello della città di Portici.

Dal 9 all’11 settembre, per una tre giorni di fine estate fitta di appuntamenti. Dalle lezioni pratico-teoriche di vela a cura della Lega Navale, alle esercitazioni di salvataggio in mare con cani, fino alle partite di Pallavolo e alle gare di pesca per bambini dai 6 ai i5 anni. Dalle passeggiate in barca alla scoperta dei siti storici della costa; ai mercatini biologici con prodotti enogastronomici e artigianali allestiti lungo il molo alle ben due sagre del cuoppo (cartoccio nel dialetto) "di alici fritte sale e pepe” e "di calamari, merluzzi e gamberi”.

La musica sarà al centro dell'attenzione, così come la cultura, alla quale saranno dedicati:


  • una tavola rotonda sul tema. “Il porto del Granatello – Storia e cultura tra passato e presente”;

  • gli opuscoli “Il porto borbonico del Granatello” e “ Il bagno di Carolina Bonaparte”;

  • la ricostruzione storica dello sbarco della regina Giovanna con figuranti in costume;

  • una serata astronomica, a cura della Lega Navale;

  • una mostra fotografica sul Granatello con immagini, filmati e fotografie subacquee che vanno dal 1738 al 1970.

porto e città di Portici
porto di Portici in inverno
porto di Portici in seppia
porto e città di Portici

La ridente cittadina vesuviana, da sempre al centro nell'opera di rivalutazione di un territorio bello e difficile, si conferma leader di un movimento di rinnovamento e civiltà teso a rinverdire l'immagine locale. L'idea del Sindaco Cuomo e del vicesindaco con delega al Turismo Bruno Provitera, realizzata insieme all’assessore all’Ambiente Santomartino, ha visto la collaborazione dei Comuni limitrofi che si sono uniti allo sforzo, nell'attesa delle ricadute turistiche e commerciali, ancora più preziose in un napoletano, vittima prediletta della crisi dell'impiego e delle infiltrazioni camorristiche.

In onore della locale tradizione marinara locale, e grazie al partenariato con Circolo Canottieri Napoli, e a partire dal 2012, sarà disputata, una competizione di canottaggio aperta agli equipaggi provenienti da tutte le cittadine vesuviane. Il Palio Remiero, partirà ufficialmente solo l'anno prossimo, con le ottimizzazioni apportate alla dimostrazione sportiva in via sperimentale di questi giorni. Uno stendardo l'ambito premio destinato ad essere esposto nella città detentrice del titolo, alla quale sarà affidata l'organizzazione della competizione successiva.

Via | il mediano.it

  • shares
  • Mail