Mangiare milanese a Milano e napoletano a Napoli

Mangiare milanese a Milano e napoletano a Napoli

Ben centoundici ristoranti (sessantadue a Napoli e quarantanove a Milano), recensiti dettagliatamente, con scheda tecnica per l'indirizzo, il sito web, il prezzo medio, il giorno di chiusura. Sono i ristoranti “tipici” che troviamo in due guide pubblicate da Castelvecchi. Una è di Carla Pacelli e ha per titolo Mangiare milanese a Milano. Guida alla scoperta della cucina tradizionale e dei migliori ristoranti tipici meneghini e l'altro, dal titolo simile, di Ugo Cundari Mangiare napoletano a Napoli e dintorni. Guida alla scoperta della cucina tradizionale e dei migliori ristoranti tipici partenopei.

Le “guide” – arricchite da semplici e simpatici disegni di Adriana Farina – hanno come idea centrale quella di indicare i ristoranti di Milano e Napoli che propongono la cucina tradizionale. Già, perché non è facile, a volte, mangiare “secondo la tradizione”. Forse è più difficile a Milano che a Napoli. Scrive Carla Pacelli:

Probabilmente Milano è la città con più scelta gastronomica d'Italia. Sicuramente è quella con più ristoranti stellati e varietà di cucina internazionale. Ma se a Milano uno volesse mangiare “alla milanese”? Qui casca l'asino. Perché la verità è che se una sera si ha voglia di una costoletta, rigorosamente con la s e non stile McChicken, di un risotto giallo o al salto, di una cassoeula edulcorata dalla moda dietetica dei cibi sciapi, allora trovare una trattoria, osteria o ristorante che continui a seguire l'antica tradizione lumbard non è semplicissimo.

Alla Pacelli fa eco, con i dovuti distinguo, Ugo Cundari che scrive nella prefazione della sua guida ai ristoranti tipici partenopei:

Che significato ha l'aggettivo napoletano messo vicino al cibo? Quand'è che una pietanza si può definire napoletana? Quando rispetta le ricette della tradizione, certo. Ma non solo. Quando dietro quel rispetto si nasconde anche il desiderio di conservare una particolare identità [...] Il cibo napoletano rimane tra gli ultimi baluardi di una tradizione sotto tiro [...] Solo una cucina con una forte tradizione può permettersi di essere creativa.

Le due guide sono completate dagli indici dei ristoranti divisi per le zone cittadine e, per quella su Milano, da un glossario. Due libretti agili e utili, sia che viviate in una delle due città e vogliate andare alla ricerca di posti per gourmet, sia se dovete andare a Milano e/o Napoli per un motivo qualsiasi. Come dice Andrew Zimmern, il cibo è uno dei modi migliori per scoprire la “cultura” di un luogo.

Carla Pacelli
Mangiare milanese a Milano. Guida alla scoperta della cucina tradizionale e dei migliori ristoranti tipici meneghini e l'altro
Castelvecchi, 2010
pp. 122, euro 990

Ugo Cundari
Mangiare napoletano a Napoli e dintorni. Guida alla scoperta della cucina tradizionale e dei migliori ristoranti tipici partenopei
Castelvecchi, 2010
pp. 144, euro 9,90

  • shares
  • Mail