La spesa on line

OK, la svolta.

Premessa: io adorerei fare la spesa, potessi andare nei mercatini rionali con calma. Essendomi impossibile, e potendo solo farla all'ipermercato enorme e sempre strapieno che sta a metà strada tra l'ufficio e casa mia, è più una fatica che non un divertimento.

Per non parlare poi del fatto che la scomodità fa sì che faccia una spesa a settimana (o anche ogni due settimane), e che di conseguenza il trasporto degli acquisti dalla macchina a casa non sia affatto banale.

Insomma, ho provato il servizio La spesa che non pesa della Coop. STRAORDINARIO !

Ci tengo a precisare che questo post lo scrivo col cuore, perché il servizio m'è piaciuto, e non è sponsorizzato in alcun modo.

Per i prezzi, basta vedere il listino. Rispetto quelli del GS che frequento sono allineati, e, spesso, inferiori.

La scelta è vasta, tipo supermercato (penso vari a seconda del polo territoriale di competenza ed il relativo negozio fornitore). Manca qualcosa, tipo il Dash che uso io o gli asparagi della Bonduelle, ma tutto il resto che cercavo l'ho trovato senza problemi.

Il costo per la consegna è di 5,29 euro (se si spende più di una cifra che, se non ricordo male, è di 25 euro), e si può decidere la fascia oraria in cui si desidera ricevere i prodotti.

Io ho scelto la fascia 17-19. Il trasporto è arrivato alle 18.45, e mi hanno portato al piano, con un carrello, tre casse con coperchio che contenevano la mia spesa (comprese 12 bottiglie di Ferrarelle). Il fresco era in una borsa frigo mantenuta a temperatura con delle enormi glacette, ed i surgelati in un'altra. Ogni tipo di prodotto era in una borsa a parte (per esempio shampoo e dentifricio erano in una borsa, lo scatolame in un'altra, i salumi in un'altra e così via). Le scadenze erano tutte piuttosto distanti, ed i prodotti freschi di buona scelta. Insomma, chi aveva fatto la spesa per conto mio ci aveva messo grande diligenza nello scegliere.

Avevo deciso di pagare con carta di credito alla ricezione della merce, ma il POS non andava. Mi è stato lasciato un foglio con gli estremi per il bonifico, che ho effettuato il giorno successivo mandando quindi la ricevuta via mail come richiesto (ma non obbligatorio).

Insomma, un'esperienza magnifica che ripeterò sicuramente più e più volte.

E mi sa di non essere l'unica ad apprezzare l'idea di risparmiare il tempo che si trascorre al supermercato...

  • shares
  • Mail