La Taverna del Barone a Fumone (Fr)

Fumone è un incantevole borgo medievale della Ciociaria interamente costruito in pietra e famoso per essere il luogo in cui Celestino V trascorse i suoi anni di prigionia seguiti alla rinuncia al pontificato. Se riuscite ad evitare la parte in cui è orrendamente deturpato da un altissimo ripetitore, una passeggiata per questo paesino vi regalerà scorci davvero magnifici da fotografare, come hanno fatto i nostri amici di Flickr nella gallery.

Non è un caso, dunque, che il ristorante più apprezzato del borgo cavalchi l’atmosfera medievale e ne faccia una sua caratteristica peculiare: parliamo della Taverna del Barone, il cui ingresso si trova sotto un ponticello in pieno centro.

Il ristorante è ricavato in un fienile in cui il tempo sembra non essere passato, grazie anche ai camerieri che vi accoglieranno con tanto di costumi tipici dell’epoca e le classiche calzature locali, altrimenti dette ciocie. In una saletta al piano terra, ogni Natale, viene allestito un presepe vivente, ma se arriverete senza aver prenotato vi toccherà inevitabilmente il soppalco.

La filosofia del posto, detta in ‘modernese’ è cibo a km 0 e riduzione al minimo degli sprechi: in una parola sola si traduce con menu fisso che alla modica cifra di 20 euro vi farà assaggiare quanto di meglio offre la produzione locale, con piatti sapientemente preparati ‘alla casareccia’.

Quindi, tranne eventuali variazioni dovute alla disponibilità stagionale, per antipasto potrete gustare olive nere, bruschette all’olio con pane alle noci e un bel tagliere con formaggi, prosciutto e salame. Mentre vi starete ancora deliziando con il vino della casa, un tantino sincero ma in fondo piacevole (occhio, però: è di quelli traditori, che scendono giù in un baleno e altrettanto velocemente vi ritrovate ubriachi), ecco che arrivano i primi, tutto in vettovaglie coordinate di coccio rosso.

Dopo uno spaghettino all’uovo perfettamente al dente, condito con un sughetto di pomodoro da leccarsi i baffi, ecco una pasta e fagioli arricchita dal sapore boscoso dei funghi che vi manderà letteralmente in paradiso. Per secondo buona la scelta delle cosce di pollo arrosto e salsicce cotte alla brace e accompagnate da patate e insalatina.

Per concludere un pasto davvero soddisfacente, e per di più costato pochi spiccioli, insieme al conto arriveranno ciambelline e biscotti secchi misti da ‘pucciare’ nel suddetto vinello sincero… ammesso che nella brocca ce ne sia ancora…ultima cosa: anche il caffè e l’acqua (del sindaco), non ci crederete, sono compresi nel prezzo.

La Taverna del Barone
Via del Ponte
Fumone
Tel 0775 49655

Foto | Flickr



  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: